Corso per Sommelier Fisar Bracciano

Corso Sommelier Bracciano FisarLa delegazione della F.I.S.A.R. (Federazione Italiana Sommelier Albergatori Ristoratori) di Manziana terrà a Bracciano, in questo 2012, un corso per Sommelier.

Il corso, patrocinato dall’Assessorato alle Politiche Culturali del Comune di Bracciano, è diviso in tre livelli dal numero di lezioni variabile, (per poter prendere parte al corso contattare uno dei recapiti suggeriti alla fine di quest’articolo):

Il primo corso sarà diviso in 12 lezioni con come argomento principale l'”enologia”, ovvero lo studio del vino dalla composizione alle caratteristiche sensoriali. Oltre alla parte teorica,  sarà presente anche una parte pratica con l’analisi, attraverso i sensi, dei vini relativi all’argomento esposto nelle lezioni:
Corso 1l Sommelier Bracciano Fisar

  • Nella prima lezione verranno spegate nel dettaglio le funzioni e gli attrezzi del sommelier, saranno anche eseguite anche delle dimostrazioni pratiche di come aprire correttamente una bottiglia e come versare il vino.
    Si degusterà dello spumante con metodo classico.
  • La seconda lezione sarà dedicata alla “fisiologia dei sensi”, ovvero di tutti i sensi in quanto coinvolti nella degustazione.
    Si degusteranno tre tipi di vino: uno bianco, uno rosso ed uno rosato.
  • La terza lezione servirà ad analizzare sensorialmente il vino,  utilizzando anche la scheda di degustazione fornita dalla Fisar.
    Verranno degustati un vino bianco aromatico, uno giovane ed uno invecchiato.
  • Nella quarta lezione verranno spiegate ed approfondite le tecniche della viticoltura e verranno degustati 3 tipi di vino: bianco, rosso e rosato.
  • Nella quinta lezione saranno spiegate le tecniche di vinificazione dei vini bianchi e le diverse caratteristiche dei vini prodotti nelle varie parti d’Italia.
    Durante la lezione verranno degustati tre vini bianchi, provenienti da nord, sud e centro Italia.
  • La sesta lezione sarà dedicata all’approfondimento delle tecniche di vinificazione per quanto riguarda i vini rossi e rosati, provenienti dalle diverse regioni d’Italia.
    In degustazione 3 vini rossi: uno del nord, uno del sud ed uno del centro Italia.
  • Dopo aver imparato le tecniche di vinificazione, nella settima lezione si potranno apprendere quelle di spumantizzazione.
    Nel corso della giornata si potranno degustare uno spumante gassificato, un Metodo Classico ed un Metodo Charmat.
  • L’ottava lezione vede come obbiettivo quello di ultimare l’apprendimento per quanto riguarda la vinificazione andando ad osservare quella di alcuni vini speciali. Al termine della lezione avrete degustato un Marsala, un Aromatizzato ed un Passito.
  • Nella nona lezione si apprenderanno quali sono le principali malattie dell’uva ed i relativi difetti e alterazione che causano sul vino. In degustazione tre vini.
  • Le leggi sulla vinificazione e sulle etichette delle bottiglie di vino, che regolano il settore saranno spiegate nel corso della decima lezione, mentre si avrà la possibilità di degustare un vino in acciaio, uno regionale ed un vino barricato.
  • L’undicesima lezione riguarda i distillati e le tecniche di distillazione, con degustazione di tre distillati.
  • L’ultima lezione riguarda la produzione della birra, tecniche e relativi risultati, in questa lezione si degusteranno due tipi di birra ed uno di vino.
Il secondo corso, composto da tredici lezioni, riguarda l’enografia dei vini, ovvero il riconoscere la provenienza del vino e le differenze nelle varie regioni del mondo.
  • La prima lezione si apre con la descrizione dei vini provenienti dall’Italia dalle regioni: Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta, con degustazione di vini provenienti dalle regioni.
  • La seconda lezione riguarda i vini provenienti dalla Lombardia, dal Trentino Alto Adige e dall’Emilia Romagna, con degustazione di questi.
  • Nella terza lezione si impareranno le caratteristiche dei vini provenienti dal Veneto e dal Friuli Venezia Giulia, avendo anche la possibilità di degustarli.
  • I vini provenienti dalla Toscana e dall’Umbria potranno essere degustati dopo aver imparato le loro caratteristiche e particolarità, nella quarta lezione.
  • La lezione numero cinque, vuole dare una mappatura dei vini di Abruzzo, Molise, Marche e del Lazio, vini che andranno poi degustati.
  • Nella sesta lezione si parlerà dei vini provenienti dalla Campania, dalla Basilicata e dalla Puglia, con seguente degustazione.
  • Le lezioni di enografia nazionale  terminano con l’ultima lezione, la settima, sui vini delle isole, Sicilia e Sardegna, e degustazione di questi.
  • L’ottava lezione è la prima per quanto riguarda l’enografia dei vini europei, sui vini della Francia provenienti dalle regioni di Borgogna, Alsazia e Champagne, con degustazione di vini delle regioni indicate.
  • La seconda lezione sui vini Francesi riguarderà le regioni di Bordeaux, Loira e Sud-Ovest della Francia, con la seguente degustazione di vini tipici.
  • Nella nona lezione termineranno le nozioni sui vini Francesi, andando ad analizzare e degustare vini provenienti dalla Provenza, dal Rodano, dalla Corsica, e concludendo con  l’analizzare anche i vini del Portogallo.
  • Nozioni e degustazioni sui vini provenienti dai restanti stati d’Europa, specialmente quelli della Germania, della Spagna, della Svizzera e quelli Austriaci, con degustazione di 4 vini tipici di quegli stati.
  • Nella penultima lezione verrà focalizzata l’attenzione sui vini provenienti dalle Americhe, del Nord e del Sud, con conseguente degustazione di tre vini tipici d’oltremare.
  • La tredicesima lezione riguarda il SudAfrica, l’Australia e la Nuova Zelanda, con i loro vini tipici.

Corso 3l Sommelier Bracciano FisarIl corso di terzo livello, di dieci lezioni, riguarda l’abbinamento dei vini al cibo e si otterrà una cultura generale sull’alimentazione e sui prodotti tipici Italiani.

  • La prima lezione è focalizzata sull’apprendimento delle nozioni principali sull’alimentazione.
  • L’abbinamento dei vari tipi di vino ai differenti tipi di cibo verrà cominciato a studiare in questa seconda lezione, ma verrà ripreso per tutta la durata del corso.
  • La terza lezione riguarderà gli antipasti.
  • Una cultura generali sui primi piatti, le varie salse ed i diversi condimenti verrà formata nel corso della quarta lezione.
  • La sesta lezione e la settima riguardano i secondi piatti, nello specifico carne e pesce.
  • Verdure, funghi e tartufi saranno l’argomento della settima lezione.
  • L’ottava lezione sarà incentrata sui diversi tipi di formaggi e la nona si concentrerà sui dolci.
  • L’ultima lezione vede come argomento principale quello della cucina del territorio, ovvero un grande approfondimento sui prodotti tipici della nostra penisola.

Ogni persona che intende partecipare al corso verrà munita di giacca con il logo dell’associazione, del libro di testo, di una valigetta nera con, all’interno, quattro calici da degustazione INAO, un cavatappi, un blocco note, una matita, il quaderno delle degustazioni contenente anche le schede ufficiali di valutazione fornite dalla Fisar e un’accendino-candela.

Con l’iscrizione alla federazione si riceveranno anche 6 numeri della rivista ufficiale della stessa.

Per ulteriori informazioni, oppure per prenotarsi contattare Giancarlo ai seguenti recapiti telefonici: 3358379231 – 0699806363, Anna al 3356562989 o scrivere una mail all’indirizzo: manziana@fisar.com

Tags: , , , , , ,

Pubblicato il da

Co-WebMaster del Sito. Vive a Bracciano. Attualmente frequenta il secondo anno presso la facoltà di Ingegneria Gestionale presso l'Università La Sapienza di Roma. Oltre a lavorare per TurismoBracciano gestisce e scrive per un sito rivolto agli studenti.

Seguimi su FacebookSeguimi su TwitterSeguimi su Google+Contattami per eMail

Lascia un Commento

Negozi
Dove Mangiare
Dove Dormire

Altri Articoli